Mercato scooter e moto, luci ed ombre ad agosto

L’andamento delle immatricolazioni per i veicoli con cilindrata superiore a 50cc è in leggera flessione e totalizza 11.684 unità, pari al -2,6% rispetto allo stesso mese del 2018. Buono l’incremento delle moto con 4.670 vendite e un +5%, mentre gli scooter con 7.014 pezzi mostrano un decremento pari al -7,1%. Più sensibile l’arretramento dei 50cc con 1.184 registrazioni pari al -15,4%.

Il peso di agosto è comunque marginale, perchè vale solo il 5% delle vendite annuali, a causa delle chiusure estive di molte concessionarie. Il dato progressivo da gennaio ad agosto 2019 evidenzia comunque un immatricolato di 180.119 veicoli pari al +6,7%, di cui 100.858 scooter con un +5,3% rispetto all’anno scorso, e 79.261 moto pari al +8,6%. I “cinquantini” riportano un deficit di volumi con 13.460 unità, pari ad una flessione del -5,2%. Il totale volumi dei primi otto mesi del 2019 certifica che in Italia sono stati complessivamente venduti 193.579 veicoli a due ruote (immatricolazioni + 50cc) con un incremento del +5,8% rispetto al gennaio-agosto 2018.

“Fase interlocutoria per il mercato delle due ruote in agosto, che tuttavia non modifica il trend consolidato di crescita confermato dal dato progressivo. Confidiamo che la ripresa possa proseguire secondo le previsioni. Le due ruote mantengono il proprio ruolo determinante per la mobilità sostenibile e il nostro settore è preparato a rispondere a tutte le esigenze degli utenti per cogliere le opportunità offerte dall’uso dei nostri veicoli” – commenta Giannetto Marchettini, commissiario di Confindustria ANCMA (Associazione Nazionale Ciclo Motociclo Accessori) –. “Il nostro compito è quello di lavorare per migliorare la sicurezza di chi viaggia su moto e scooter.

Le aziende sono impegnate nel presentare veicoli tecnologicamente evoluti, ma ci aspettiamo che non siano trascurati gli investimenti nelle infrastrutture idonee a garantire le condizioni d’uso più sicure. Produttori e importatori dei veicoli e tutto il mondo delle aziende che si dedicano alle due ruote sono pronti a presentare le novità alla prossima edizione di EICMA, l’appuntamento più importante nel mondo, che già presenta numeri straordinari in termini di partecipazione”.

L’analisi degli scooter per cilindrata consolida la leadership per i 125cc con 38.510 veicoli e un +9,8%. Crescono a due cifre i modelli da 300 a 500cc con 37.682 unità e un interessante +10,7%; in flessione i 150-250cc con 16.313 vendite e un -8,8%. Arretrano anche i maxi scooter oltre 500cc, che con 8.353 pezzi segnano un – 4,9%. Nelle immatricolazioni moto, aumenta l’importanza delle 800-1000 cc che con 22.603 pezzi totalizzano un +12,6%. Seguone le moto superiori ai 1000cc in lieve flessione, con 18.842 unità, pari al -2,3%. In ripresa le 600-750cc, con 12.904 moto pari al +7,5%. Sempre rilevante il risultato delle moto tra 250-500cc, che con 13.751 vendite accelerano con un +19,2%. Mostrano ancora uno sviluppo significativo le “piccole” di 125cc con 8.987 immatricolazioni, in aumento di un +14,5%. Infine le moto da 150-250cc con 1.906 vendite riportano un +4,5%.

La situazione nei segmenti moto vede ancora le naked con i maggiori volumi pari a 29.687 pezzi e un +3,6%, seguono da vicino le enduro stradali, più dinamiche con 28.905 unità e un +20,9%. A distanza compaiono le moto da turismo con 9.818 pezzi pari al +3,1%. Calo per le custom, con 4.119 moto e un -8,3%; seguite dalle sportive con 3.626 moto e un -5,2%; infine le supermotard, in forte ripresa con 2.281 unità, pari al +24,2%.

Lascia un commento.

10 − uno =